IC CORREGGIO 1

“Progettiamo, realizziamo, animiamo…”

In gruppo per meglio apprendere

Il progetto si propone di offrire una serie di opportunità di successo negli
apprendimenti degli alunni, incentivando lo sviluppo logico, comunicativo ed
emotivo. Gli alunni hanno bisogno di un tempo di apprendimento, di
condizioni favorevoli alla concentrazione e di essere infine portati a
considerare il loro impegno determinante per il successo scolastico.
Attraverso il progetto si vuole offrire agli alunni una serie di input e proposte
didattiche per lo sviluppo e il recupero sia delle capacità logiche sia delle
capacità linguistico-comunicative. Gli insegnanti, all’interno della propria
attività, potranno elaborare microprogetti ed interventi calibrati, in modo da
rispondere alle effettive esigenze di ciascun allievo e dei gruppi classe.
Classi coinvolte: tutte le classi del plesso dove sono inseriti alunni in
difficoltà d’apprendimento.

Obiettivi formativi:
– migliorare le capacità logiche alla base dell’apprendimento nell’area
linguistica e logico-matematica;
– utilizzare la matematica e la lingua come strumento di gioco individuale
e collettivo;
– creare situazioni alternative per l’apprendimento e il potenziamento di
capacità logiche;
– potenziare i punti di forza individuali, per riequilibrare la sfera emotiva
e la personalità;
– usare strategie compensative di apprendimento;
– acquisire un metodo di studio più appropriato;
– stimolare la motivazione ad apprendere;
– educare al cooperative learning, potenziando le abilità sociali e
relazionali con i pari.

Competenze attese:

l’alunno/a aumenta la conoscenza di sé e delle proprie
capacità attitudinali; apprezza gli itinerari formativi anche attraverso il lavoro
di gruppo e instaura rapporti anche con altri compagni, per una valida e
produttiva collaborazione; acquisisce autonomia di studio crescente e
migliora il metodo di studio; assume atteggiamenti sempre più disinvolti nei
riguardi delle discipline; potenzia le capacità di comprensione, di ascolto,
d’osservazione, d’analisi e di sintesi.

Un aiuto in più

Progetto rivolto agli studenti che si trovano in una momentanea situazione
di difficoltà di apprendimento scolastico. Classi coinvolte: tutti gli alunni del
plesso in difficoltà d’apprendimento.

Obiettivi formativi:
• comunicare efficacemente sia a livello orale che scritto, in
relazione alla quotidianità scolastica;
• comprendere ciò che si ascolta, si legge e si deve eseguire;
• avviare all’utilizzo degli strumenti compensativi;
• inforzare le abilità di letto-scrittura e quelle logico-matematiche.

Competenze attese:

l’alunno/a comprende e utilizza nell’uso orale e scritto
i vocaboli fondamentali e quelli di alto uso; comprende e utilizza i più
frequenti termini specifici legati alle discipline di studio; ascolta e
comprende testi orali cogliendone il senso, le informazioni principali e lo
scopo; legge e comprende testi di vario tipo, ne individua il senso globale e
le informazioni principali, utilizzando strategie di lettura adeguate agli scopi

Correggiopoli

Il progetto si propone di coinvolgere gli studenti di una classe prima della
secondaria di primo grado nella progettazione e realizzazione di un gioco che,
prendendo spunto dal “Monopoly”, abbia come sfondo la città di Correggio,
affinché gli alunni, in linea con i nodi fondanti del PTOF, possano cogliere
l’importanza del rispetto e della valorizzazione del contesto di appartenenza.
I ragazzi avranno il compito di progettare il percorso del gioco, idearne la
struttura e disegnarla, porre un inizio e una fine, scriverne le schede e le
istruzioni (seguendo le decisioni prese collettivamente dalla classe durante
la fase di ideazione), mettersi nei panni dei giocatori e prevedere/prevenire
gli intoppi che possono crearsi. Il gioco prodotto sarà condiviso con tutti gli
alunni dell’IC.


Obiettivi formativi:
• realizzare un compito di realtà multidisciplinare, utilizzando la
metodologia della didattica per competenze (Project Based Learning);
• saper lavorare insieme, al fine di migliorare la cooperazione e
l’inclusione all’interno del gruppo;
• rappresentare e risolvere situazioni problematiche concrete;
• riflettere sulle strategie utilizzate per la risoluzione di problemi,
favorendo la creatività e l’organizzazione del pensiero cognitivo e
metacognitivo;
• riflettere sull’importanza di predisporre delle regole affinché tutti
possano usufruire del gioco;
• conoscere il territorio e il patrimonio naturale e culturale di
appartenenza;
• utilizzare strumenti tradizionali e innovativi per comprendere e
comunicare fatti e fenomeni territoriali;
• conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione,
stesura, revisione di un testo regolativo;
• servirsi di strumenti per la raccolta delle idee (mappe, scalette);
• utilizzare criteri e strumenti per la revisione del testo in vista della
stesura definitiva.

Competenze attese:

l’alunno/a interagisce positivamente con i compagni e
mette in atto strategie collaborative; conosce e rispetta le regole, assume
comportamenti corretti nei confronti dell’ambiente vissuto; ascolta,
comprende e partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti,
rispettando il proprio turno; organizza le informazioni e le conoscenze,
tematizzando e usando concettualizzazioni pertinenti; osserva, analizza e
realizza immagini di vario tipo; sperimenta strumenti e tecniche grafiche,
pittoriche e plastiche; riconosce e identifica nell’ambiente che lo circonda
elementi culturali e territoriali; usa la linea del tempo per organizzare
informazioni, conoscenze.

C’era una volta un ecosistema

Per un pelo

Le avventure nella foresta pluviale

Il lago

S.O.S. uova in pericolo

Aiuto! Un cavallo scomparso